Associazione Europea di Psicoanalisi

NEWS


MEGLIO GLI PSICHIATRI DELLA PSICHIATRIA?

Il filosofo Immanuel Kant, a cavallo tra Sette e Ottocento, sosteneva che «c'è un genere di medici, i medici della mente, che ritengono di aver scoperto una nuova malattia ogni volta che escogitano un nome nuovo».

Più di un secolo dopo, il logico, filosofo ed epistemologo Ludwig Wittgenstein calcava la dose asserendo: «La psichiatria è quella scienza fatta di metodi sperimentali e confusione concettuale».

Sono passi citati da Umberto Galimberti, il quale ricorda che «la psichiatria è una "iatria", ossia una pratica medica, non una "loghia", ossia un sapere costruito su chiare basi concettuali» (La Repubblica, D, 25 luglio 2009, pag. 138).

Ora però dovremmo ricrederci, se non sulla psichiatria, almeno sugli psichiatri. Nel video, tratto da You Tube, che abbiamo pubblicato, su segnalazione del professore emerito Thomas Szasz, nostro consulente scientifico, sembra che un campione rappresentativo di psichiatri intervistati sia perfettamente consapevole dei limiti della loro presunta "scienza". Essi, infatti, ammettono tranquillamente che non esiste alcun genere di test fisico o biologico che permetta di diagnosticare una presunta malattia mentale. Ammettono anche, con altrettanto candore, che non esistono cure sperimentate efficaci per quelle che essi definiscono patologie mentali.

Gli psichiatri, dunque, sono meglio di ciò che la psichiatria è e vuole essere?

Angelo Conforti

Fidenza, 13 Gennaio 2010

 


Chi siamo    Articoli   Formazione    Soci     Progetti    Psicoanalisi e cultura  
Forum    Adesione    Contatti   Link   Home     Benvenuti